ricordando formigoni

L’eccidio di Valaperta di Casatenovo

Per non dimenticare

Il 3 gennaio 1945 le Brigate Nere di Missaglia, comandate da Emilio Formigoni (padre dell’attuale presidente della Regione), fucilano quattro partigiani a Valaperta di Casatenovo

 Il 23 ottobre 1944 il brigadiere del distaccamento di Missaglia della Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) incaricò un suo milite, Gaetano Chiarelli, di fornire informazioni su di un renitente alla chiamata alle armi di Valaperta.
Un gruppo di partigiani, avvertiti della presenza del repubblichino in Valaperta, circondarono il gruppo di case e intimarono al Chiarelli di alzare le mani e consegnare loro la bicicletta e le armi; di fronte al suo rifiuto gli spararono addosso, uccidendolo.
Alle 22,30 piombano su Valaperta una quindicina di brigatisti neri. Intanto era sopraggiunto anche il segretario del Fascio e il Commissario Prefettizio di Missaglia, nonché comandante del locale Distaccamento della Brigata Nera, l’ingegner Emilio Formigoni, padre dell’attuale presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni.

I militi della G.N.R., sparsi per la cascina, sparano all’impazzata nei cortili, incendiando le stalle e i fienili, razziando le case, percuotendo le persone inermi per tre giorni per ottenere i nomi dei partigiani, sotto gli occhi indifferenti del capitano che risponde, a chi gli chiede di calmare i suoi uomini, che essi stanno esercitando la legittima vendetta del camerata ucciso.

Vengono arrestati per l’uccisione del Chiarelli quattro partigiani: Natale Beretta di Arcore di 25 anni, Nazzaro Vitale di Bellano di 24 anni, Mario Villa di Biassono di 23 anni, Gabriele Colombo di Arcore di anni 22.
La mettina del 3 gennaio 1945 a Valaperta i quattro partigiani vengono fucilati.
All’esecuzione erano presenti i militi della G.N.R. di Missaglia, il Commissario prefettizio di Casatenovo, prof. Firmiani, il medico condotto dott. Della Morte e il comandante della Brigata Nera di Missaglia, ing. Formigoni.

Dopo la guerra Formigoni scappò in esilio ma condannato in contumacia solo come collaborazionista potè rientrare tranquillamente in Italia così come tanti altri fascisti.

Dalla popolazione locale Formigoni papà è ricordato anche per aver più volte sequestrato e seviziato inermi civili. Il figlio Roberto (attuale governatore della regione lombardia) ha sempre negato che suo padre abbia avuto un ruolo attivo in questa vicenda, negando pure che appartenesse alle brigate nere (vedi intervista comparsa su sette, inserto del corriere della sera del novembre 2007).

 

Video di testimonianze sull’eccidio di Valaperta

(cliccate col tasto destro per scaricarlo)

 

Copertina per il Video di testimonianze sull’eccidio di Valaperta

 

Documentazione ufficiale storica sull’eccidio di Valaperta

 

Rassegna stampa

 

Esiste anche una canzone del gruppo dei Luf (www.iluf.net) dal titolo “ciao bella” che cita i quattro partigiani fucilati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.